#giardinipolitkovskaja, il ricordo di Anna

Giardini Anna Politkovskaja“Prima di essere una giornalista, Anna era mia sorella, era una donna e una madre bravissima”. Elena Kudimova parla così di Anna Politkovskaja in occasione dell’inaugurazione a Milano dei giardini dedicati alla cronista russa assassinata a Mosca il 7 ottobre 2006. “Quando veniva a trovarmi a Londra – continua la sorella di Anna, che da 14 anni vive in Gran Bretagna – passava intere notti a parlarmi di ciò che aveva visto in Cecenia. Erano racconti terribili” dice alla platea gremita dello Urban Center di Milano.

“Anna prestava la sua voce ai deboli, a chi non si sentiva rappresentato – spiega Vitalij Jaroshevskij, vicedirettore di Novaja Gazeta, il quotidiano dell’opposizione per il quale scriveva la Politkovskaja – In redazione venivano a chiederle aiuto le donne che cercavano i propri figli, scomparsi improvvisamente durante la guerra nel nord del Caucaso; i figli rimasti rimasti senza padre; i padri che avevano perso la famiglia intera. Da quando Anna è morta, anche queste persone sono scomparse”. Perché non c’è più nessuno ad ascoltarle. A capirle. E’ per questo motivo, “per sottolineare l’alto valore morale di Politkovskaja“, che il comune di Milano ha voluto intitolare i giardini di corso Como alla memoria della giornalista, accogliendo la richiesta di circa 2mila cittadini che hanno sottoscritto la petizione dell’associazione Annaviva che da anni si batte affinché il sacrificio di Anna non resti inascoltato.
“Per la salute morale del Paese sarebbe sano che in Russia venisse intitolata una via alla Politkovskaja” dice Jaroshevskij. A distanza di 7 anni dall’uccisione della giornalista, però, ancora nessuno ha pagato per la sua morte. “Non credo che vedremo presto alla sbarra degli imputati i mandanti dell’omicidio di mia mamma. Sicuramente non sotto questo governo – dice Il’ja Politkovskij – Ma io lo spero. Lo spero ancora”.

Poco dopo l’uccisione della Politkovskaja, ricorda Andrea Riscassi, giornalista Rai e fondatore dell’associazione Annaviva, il presidente ceceno Ramzan Kadirov, disse: “Avrebbe fatto meglio a stare a casa a badare alla famiglia”. Non disse che il 7 ottobre 2006, Anna Politkovskaja fu uccisa nell’androne del suo palazzo a Mosca mentre stringeva ancora in mano le borse della spesa.

Oggi, alle 11, ci sarà l’inaugurazione dei giardini Anna Politkovskaja in corso Como a Milano. Vi aspettiamo!

Annaviva

Un pensiero su “#giardinipolitkovskaja, il ricordo di Anna

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...