La legge russa sulla propaganda di rapporti sessuali non tradizionali

Omofobia-Russia-1Il 30 giugno 2013 il presidente russo Vladimir Putin ha firmato una legge che vieta la “propaganda di rapporti sessuali non tradizionali ai minori“, aprendo così un nuovo capitolo buio nella storia dei diritti dei gay in Russia. La legge è stato l’ultimo atto di un governo che vuole limitare i diritti di gay, lesbiche, bisessuali e transgender nel Paese.

Le violazioni dei fondamentali diritti dei cittadini omosessuali russi, costituzionalmente protetti, hanno incluso il divieto di organizzare gay pride a Mosca e in altre città, multe salate per i gruppi a favore dei diritti omosessuali accusati di agire come un “agente straniero” (ricordate la vicenda di Golos?), il rifiuto a registrare  organizzazioni non governative e leggi regionali che vietano la propaganda dell’omosessualità ai minori, leggi che sono servite come base per la legge federale promulgata da Putin e approvata all’unanimità dalla Duma. In questo contesto, gli attacchi violenti contro i gay o “sospetti gay” sono sempre all’ordine del giorno, come abbiamo visto dai video diffusi su internet.

Tutto ciò si basa su ipotesi ridicole. A esempio, i divieti regionali sulla propaganda dell’omosessualità si basa sull’equiparazione delle relazioni omosessuali alla pedofilia, che è, ovviamente, un reato grave (ma solo dal 1993, prima era legale).

La propaganda di orientamento sessuale non tradizionale” è una minaccia diretta per la società russa secondo i legislatori, che hanno così implicitamente incitato all’odio sociale e religioso. La corte ha continuato a sostenere che tali attività estremiste costituiscono una minaccia per la sovranità della Russia e l’integrità territoriale, una scusa utilizzata dal governo di fronte alla comunità internazionale. I diplomatici russi sottolineano che la discriminazione non esiste in Russia, perché proibita dalla costituzione del Paese.

Nell’aprile 2011, la Corte di Strasburgo ha multato la Russia per aver violato gli articoli 11, 13, e 14 della Convenzione europea vietando 164 gay pride e marce tra il 2006 e il 2008 . Tutto ciò non è servito. Il Cremlino ha pagato la multa e ha continuato a vietare i gay pride come prima.

La legge firmata da Putin vuole usare come punto di forza della proprio costituzionalità l’articolo 6.21 del Codice della Federazione russa in materia di illeciti amministrativi. Ecco cosa dice l’articolo 6.21: “La propaganda è l’atto di distribuire informazioni tra i minori che 1) siano finalizzate alla creazione di atteggiamenti sessuali non tradizionali 2) rendano i rapporti sessuali non tradizionali attraenti  3) eguaglino il valore sociale delle relazioni sessuali tradizionali e non tradizionali o 4 ) creaino un interesse verso i rapporti sessuali non tradizionali.

Se sei russo: gli individui che praticano questo tipo di propaganda possono essere multati a pagare 4.000 a 5.000 rubli (120-150 dollari ), i funzionari pubblici sono soggetti a multe di 40.000 a 50.000 rubli ( 1.200-1.500 dollari ) e le organizzazioni registrate possono essere multate a pagare 800,000-1,000,000 rubli o 24,000-30,000 dollari oppure obbligate a interrompere le attività per 90 giorni . Se si fa propaganda attraverso i media o su internet , le multe aumentano: per gli individui da 50.000 a 100.000 rubli, per i funzionari pubblici da 100.000 a 200.000 rubli e per le organizzazioni da un milione di rubli o 90 giorni di sospensione.

Se sei un alieno (straniero): i cittadini stranieri che svolgono propaganda sono soggetti a una multa di 4.000 a 5.000 rubli oppure possono essere espulsi dalla Russia e /o restare 15 giorni in carcere . Se uno straniero utilizza i media o internet le multe aumentano fino a 50.000-100.000 rubli o a una detenzione di 15 giorni con conseguente espulsione dalla Russia.

Fonte: www.humanrightsfirst.org

Un pensiero su “La legge russa sulla propaganda di rapporti sessuali non tradizionali

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...