Putin, la Siria e la Cecenia

Putin Siria

Vi proponiamo un commento di Kim Zigfeld, Amerikanthinker.com, su quanto successo nelle ultime settimane tra Putin, Siria e Obama:

Scrivendo sul New York Times nel 1999 , Vladimir Putin ha sostenuto che la Russia poteva bombardare la Cecenia indipendentemente da ciò che il resto del mondo avrebbe potuto pensare . Scrivendo sullo stesso giornale nel 2013, ha  sostenuto che gli Stati Uniti non potevano  bombardare la Siria senza l’approvazione del resto del mondo.
L’ultimo editoriale di Putin per il Gray Lady [nomignolo per The New York Times, ndr.] è l’espressione ultima dell’universo neo- sovietico parallelo in cui Putin vive , un mondo in cui nemmeno le leggi della fisica si applicano alla Russia. Nelle sue parole si può sentire chiaramente l’eco delle politiche ridicolmente squilibrati del Politburo, politiche che hanno spinto l’URSS nella pattumiera della storia
Putin si lamenta per la scarsa comunicazione tra gli Stati Uniti e la Russia, ma mentre lui sfrutta l’ospitalità del New York Times,  non offre l’accesso a giornali russi controllati dallo Stato o alla TV in modo che gli Stati Uniti possano argomentare contro di lui.
Putin sostiene che gli Stati Uniti e la Russia erano alleati contro i nazisti, ma ignora il fatto che gli studenti russi studiano a scuola una storia diversa, una Germania nazista sconfitta SOLO dalla Russia.
Sottolinea l’importanza delle Nazioni Unite, poi minaccia di distruggere l’istituzione se gli Stati Uniti non eseguiranno gli ordini della Russia. Apprezza il Consiglio di sicurezza, ma la Russia ha ignorato il Consiglio di Sicurezza quando invase la Georgia nel 2008 e quando bombardò la Cecenia nel 1999.
Egli afferma che il Papa si oppone all’intervento degli Stati Uniti in Siria, ignorando il fatto che la Russia ha il suo papa e reprime sistematicamente ogni religione, compresa qualsiasi religione cristiana, che non segue gli insegnamenti del capo religioso russo.
Egli avverte che attaccare la Siria potrebbe “scatenare una nuova ondata di terrorismo”, ignorando il fatto che il sostegno russo per Hezbollah, l’Iran e la Siria ha giocato un ruolo significativo nella vecchia ondata di terrorismo che gli americani hanno combattuto per anni.
Putin ignora completamente alleanza della Russia con la Siria, i suoi vasti profitti dalla vendita di armi e il fatto che la Siria è uno degli ultimi avamposti della Russia in Medio Oriente. Scrive come se fosse interessato solo alla pace nel mondo. Le sue osservazioni fanno eco a quelle di Hitler dopo l’invasione della Polonia .
Putin sostiene che da quando al Qaeda è una delle forze che si oppongono al governo siriano, gli Stati Uniti dovrebbero appoggiare quel regime assassino e aiutarlo a uccidere centinaia di migliaia di civili siriani, ignorando il fatto che al Qaeda sia in minoranza. Putin ha mentito spudoratamente sulle osservazioni di John Kerry su al Qaeda, dicendo Kerry ha sostenuto che non esisteva in Siria, mentre in realtà ha semplicemente detto che non stava crescendo in forza. Il suo bisogno di mentire la dice lunga sulla validità della sua posizione
Putin sostiene che la Russia ha “sostenuto un dialogo pacifico fin dall’inizio” in Siria , dimenticando di dire ai lettori del Times che la Russia ha sostenuto la Siria con le armi fin dall’inizio, le armi che il regime ha usato per uccidere decine di migliaia di civili innocenti. Le armi chimiche che la Siria sta usando sono anche di origine russa.
Putin saluta il potere di ” diritto internazionale”, la stessa legge che la Russia ha arbitrariamente trascurato quando ha annesso l’Ossezia e l’Abkhazia nel 2008.
Putin dice che c’è “ogni ragione di credere” che il gas sia stato utilizzato dai ribelli siriani, non dal regime, ma non cita uno straccio di prova. L’unica “prova” che Putin abbia mai menzionato è la logica:  il regime non avrebbe usato armi chimiche a meno che non stesse perdendo malamente sul campo di battaglia. Gli Stati Uniti devono avere le prove, ma Putin non ne ha bisogno.
Putin sostiene che deve essere lui a dare consigli agli Stati Uniti su un proprio “interesse a lungo termine” ma la Russia non vuole consigli dagli americani e l’odio palpabile di Putin verso tutto ciò che è americano rende tali affermazioni ancora più ridicole. Egli sostiene che non vuole “milioni di persone in tutto il mondo” che vogliano stare alla larga dalla leadership americana, ma in realtà è esattamente ciò che Putin vuole e per cui lavora da dai suoi primi giorni di potere. Lui è una spia del KGB, dopo tutto.
Secondo Putin, gli Stati Uniti avrebbe dovuto seguire la Russia e aver fatto di tutto per lasciare dittature omicide in Egitto, Afghanistan, Iraq. Sarebbe piaciuto a Putin, dal momento che l’influenza russa nel mondo diminuisce ogni volta che dittatori amici della Russia cadono.
La preoccupazione di Putin verso le “vittime civili” è assurda. Putin totalmente non ignora solo i fiumi di sangue del regime siriano, ma anche le vittime civili in Cecenia e in Georgia, incurante delle preoccupazioni internazionali .
Putin sostiene che attaccare la Siria indurrà regimi analoghi a cercare “la Bomba” per difendersi dagli attacchi  ignorando il fatto che la Russia sta inondando l’Iran con la tecnologia nucleare e tutti i tipi di armi, tra cui missili sofisticati, respingendo l’indignazione internazionale .
Putin sostiene un piano in base sulle  armi chimiche siriane, ma si rifiuta di supportare una risoluzione Onu vincolante, che avrebbe posto gli standard chiari su quali sarebbero stati i passaggi di consegne e chiedere un’azione militare per fare rispettare il vincolo. Questo perché mossa di Putin è solo una manovra dilatoria, non un vero e proprio sforzo per tenere a freno il regime di Assad.
Poi viene la madre di tutte le frottole neo- sovietiche. Putin scrive: “Il mio rapporto di lavoro e personale con il presidente Obama è segnato dalla crescente fiducia”. La verità è che Putin non ha alcun rapporto con Obama, il rapporto è finito quando Putin ha dato asilo a Edward Snowden e Obama ha risposto snobbando Putin al vertice del G -20 e incontrando un gruppo di attivisti omosessuali.
Putin conclude sostenendo che è “estremamente pericoloso” l’atteggiamento americano di considerarsi eccezionali, perché ” Dio ci ha creati uguali, ma Putin presiede una società fondata sulla diversità sessuale, razziale, religioso, una società che si considera  molto più eccezionale di quanto gli Stati Uniti abbiano mai sognato di essere.  Quando Putin dice che è “estremamente pericoloso” è pericoloso per la Russia, che non ha alcuna speranza di vincere una concorrenza leale contro gli Stati Uniti, in modo che Putin deve tessere una ragnatela di distorsioni, proprio come è stato fatto in URSS, nella speranza di indebolire e sostituirsi agli Stati Uniti .

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...