La prossima udienza sul caso Politkovskaja è stata rinviata al 27 maggio

Immagine

 

 

Nel tribunale di Mosca non si sono potute stabilire oggi i termini di condanna per i quattro colpevoli dell’omicidio di Anna Politkovskaja. L’udienza è stata rimandata al 27 maggio a causa dell’assenza di qualche avvocato. Otto anni, centinaia di fascicoli, una sentenza annullata e alla fine la decisione dei giudici: la condanna su tutti i punti.

Rustam Makhmudov è stato accusato di aver sparato contro Anna Politkovskaja nell’ascensore di casa sua. Lo zio, Lom-Ali Gajtukaev di aver organizzato l’omicidio.

 L’ex membro del RUBOP (direzione regionale della lotta contro la criminalità organizzata) Sergej Khadzhikurbanov diede un iuto a rintracciare la Politkovskaja. I fratelli Ibrahim e Djarbajl Makhmudov hanno agito come complici.

“Tutti sanno che si tratta di menzogna e falsità. Qui siedono persone innocenti”, ha affermato Lom-Ali Gajtukaev. I giudici tuttavia ormai si sono espressi, ora bisogna solo aspettare che vengano definite le pene.

 “Fino a quando non viene pronunciata la sentenza, gli imputati si sentono innocenti. Quando però i giudici hanno preso la decisione finale, la famiglia della Politkovskaja ha capito però che sul banco degli imputati si trovavano gli assassini della madre”, si è detto sicuro il procuratore Boris Loktionov.

Il caso sull’omicidio della Politkovskaja è stato uno dei più caldi e ontroversi degi ultimi dieci anni. Più di una volta si è arrivati ad un vicolo cieco e per i famigliari tutto il tempo trascorso ha rappresentato una dura prova. Allora, nel 2006, alla casa della giornalista della Novaja Gazeta arrivarono in molti portando fiori ma gli inquirenti fecero di tutto per trovre alibi. Erano convinti che qualcuno dei membri delle forze speciali si fosse consultato con l’assassino. Troppe poche tracce erano state lasciate sul luogo del delitto.

 “ Fu sequestrata la pistola con il silenziatore, le impronte digitali, le tracce sull’ascensore, i mozziconi tra il primo e il secondo piano. E’ stato supposto infatti che l’assassino si trovasse tra il primo e il secondo piano e tenesse sotto controllo l’ingresso di Anna”, ha spiegato il procuratore Maria Semenenko.

I fratelli Makhmudov, accusati di essere complici,  hanno accuratamente evitato le telecamere di videosorveglianza poste all’ingresso dell’edificio: il loro viso non si coglie mai per intero. Anche al telefono comunicarono con molta cautela. Alla fine gli inquirenti rintracciarono l’auto, con la quale il killer si recò in via Lesnaja dove abitava la giornalista. Sulla stessa auto furono rinvenute diverse ricevute corrispondenti a telefoni vari e degli attrezzi simili a quelli rintracciati sul luogo del delitto”, racconta Maria Semenenko.

 Naturalmente gli avvocati degli imputati non sono d’accordo con il verdetto e sono pronti ad impugnarlo, mentre i parenti di Anna e i collaboratori della Novaja Gazeta lo approvano anche se ritengono che il caso non possa considerarsi chiuso. Il mandante dell’omicidio infatti non è ancora noto e gli inquirenti non interrompono le indagini.

 “Per quanto riguarda i mandanti di questo omicidio, le indagini proseguono e verranno adottate delle misure adeguate per rendere noto chi sia nascosto dietro l’omicidio di Anna Politkovskaja”, ha annunciato il membro del Comitato per le Indagini Vladimir Markin.

 Le ipotesi su chi abbia potuto commissionare l’omicio della Politkoskaja sono state numerose negli ultimi anni, anche se i giudici non diffondono i dettagli delle supposizioni. E’ noto solamente che cosa cercano nel Nord del Caucaso, su cui tanto scrisse la Politkovskaja. A molti le sue parole diedero a dir poco fastidio.

 Pervyi Kanal, 21/05/2014

Traduzione di Anna Agliati

 

Un pensiero su “La prossima udienza sul caso Politkovskaja è stata rinviata al 27 maggio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...