Mosca: al posto del Maidan è giunto il Donbass. Boris Nemtsov è stato ucciso ai piedi del Cremlino

Nemtsov

 

Novaja Gazeta 28.02.2015

Boris Nemtsov è stato ucciso a Mosca. Gli hanno sparato a due passi dal Cremlino, sul ponte  Moskvoretsky, a trenta metri dalla discesa Vasil’evsky. Non serve esaminare la versione dell’accaduto che ha portato all’uccisione del politico. L’omicidio è stato un tremendo atto di terrore politico nella storia della nuova Russia. Adesso è condannato a diventare il simbolo di quel paese che abbiamo costruito negli ultimi quindici anni. Un paese nel quale le parole si scontrano con le pallottole e affogano nel sangue.

Il castello di carte della stabilità russa, che ha vacillato per tutto il 2014 è andato in fumo il 27 febbraio 2015.

Boris Nemtsov era conosciuto in tutto il paese. Giovane governatore della provincia di Nizhnij Novgorod negli anni ’90, è stato nominato come il successore di Boris Eltsin. Gradualmente i riformatori uscirono dal grande gioco governativo, ma Nemtsov, a differenza di molti altri, non lasciò l’arena politica. Nell’”Unione delle Forze di Diritto”, “Solidarnost’” e “RPR-Parnas” (Partito Repubblicano Russo) condusse le sue crociate contro la mancanza di libertà nel paese. Fu uno degli ultimi candidati indipendenti alle elezioni di Sochi, città delle olimpiadi, del 2009. In molti non lo amavano ma la maggior parte di coloro che lo hanno conosciuto ammettono: era un uomo giusto, dalle forti  convinzioni e coerente con esse.

Traduzione di Anna Agliati

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...