IMG_0368

Torniamo in piazza per Boris Nemtsov, l’8 aprile a Milano

Subito dopo la morte di Boris Nemtsov si era parlato di assassinio per “motivi di odio religioso”. Volevano farci credere che i sicari avessero agito come risposta alla solidarietà mostrata dal politico ai vignettisti di Charlie Hebdo. Poi gli inquirenti hanno cambiato versione: si è trattato di un crimine su commissione.

Ciò che è certo è che il processo giudiziario continua a sfaldarsi. A quasi 40 giorni da quel 27 febbraio, l’ex tenente ceceno Zuar Dadayev – principale sospettato per l’omicidio del leader dell’opposizione interna a Vladimir Putin e vicepremier liberale ai tempi della presidenza Eltsin – ribadisce anche davanti al tribunale che la confessione gli è stata estorta con la forza dopo che sconosciuti lo hanno rapito il 5 marzo in Inguscezia.

Per la commissione inquirente, però, lui è il colpevole. 

Intanto, il Tribunale di Mosca non conferma la detenzione di tre dei cinque arrestati poco dopo l’omicidio di Nemtsov.

 A 40 giorni da quel vile atto, AnnaVia tornerà ai Giardini Anna Politkovskaja di Milano per chiedere che gli assassini e i mandanti siano assicurati alla giustizia. Vi diamo appuntamento alle 18.45. Vi aspettiamo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...