Archivi categoria: Eventi

L’eredità del 1956

Oggi e domani a Milano conferenza storico culturale in occasione del 60° anniversario della rivoluzione in Ungheria

Il 26 ed il 27 maggio il Consolato Generale di Ungheria in Milano, in collaborazione con l’Università Cattolica, con il contributo del Ministero degli Affari e del Commercio Esteri di Ungheria, commemorano la rivoluzione del 1956 in Ungheria con la conferenza “L’Eredità del 1956”, conferenza storico-culturale, in occasione del 60° anniversario della  rivoluzione del 1956 in Ungheria” presso la sala Negri da Oleggio dell’ateneo di Milano.

Qui il programma della conferenza

Invading Hungary
A squadron of Russian T55 main battle tanks rumbling down a street in Budapest during Russia’s invasion of Hungary. (Photo by Keystone/Getty Images)

In occasione della conferenza sarà presente, tra gli altri, l’onorevole Mária Wittner, che ha partecipato in persona nei moti del 1956, assieme a Lajos Okolicsányi e Barbara Gluska, che parleranno dei loro ricordi, affidando alla città di Milano testimonianze inestimabili  e mai raccontare sino ad ora.

A moderare gli incontri saranno: per il primo giorno, il prof. Adriano Dell’Asta, docente dell’Università Cattolica, per il secondo, la dott.ssa Krisztina Sándor, addetto stampa e cultura del Consolato Generale di Ungheria.

L’evento è aperto a tutti, fino ad esaurimento posti su prenotazione al seguente indirizzo consulate.mil@mfa.gov.hu

 

Ex Jugoslavia: geografia criminale e traffici illeciti

ex-jugoslavia
(Credit foto: Dizionari più Zanichelli)

Dopo aver aperto una finestra lo scorso anno sulla mafia russa con il libro e la testimonianza di Pino Scaccia e la presentazione delle tesi universitarie di Sarah Mazzenzana e Carmela Racioppi, intendiamo proseguire nel cammino di conoscenza della criminalità nell’est europeo

 

MERCOLEDI’ 25 MAGGIO – ore 19.30

Libreria Popolare – Via Tadino 18 –  MILANO

EX JUGOSLAVIA: GEOGRAFIA CRIMINALE E TRAFFICI ILLECITI

 Relatrice: Carmela Racioppi

 Interverrà: David Gentili, Presidente della Commissione Consiliare antimafia di Milano

 La partecipazione è libera

211 Anna

Pisa, una giornata di studi sul tema Donne e Pace

Una giornata di studi sul tema “Donne e Pace” è l’iniziativa promossa dal Consiglio Cittadino per le Pari Opportunità del Comune di Pisa (con il patrocinio della Commissione Regionale per le Pari Opportunità della Toscana) all’interno del “Marzo delle Donne 2016”.

Si tratta di una giornata di incontri aperta all’intera cittadinanza, dedicata alla valorizzazione del ruolo attivo che le donne hanno sempre avuto nel contrasto alla guerra e alla conflittualità e nel ripristino e nel mantenimento della Pace.

La giornata, che inizierà alle 9:15 nella Sala Convegni della Stazione Leopolda di Pisa prevede anche una tavola rotonda dedicata ai 70 anni del voto delle donne e si concluderà con la proiezione del pluripremiato documentario “211:Anna (2009), in memoria di Anna Politkovskaya a dieci anni dalla sua scomparsa.

211: Anna

Ecco il programma completo (l’iniziativa sarà trasmessa anche in streaming):

 

9:15 Saluti istituzionali: Marilù Chiofalo (Assessora PPOO del Comune di Pisa) e Valeria Di Bartolomeo (Presidente CCPPOO del Comune di Pisa)

9:45 Intervento di Julie Bicocchi (ProXima Generi), Coordinatrice Commissione Donne e Politica del Consiglio Cittadino per le Pari Opportunità

10:00 Interventi delle relatrici – modera Cristina Filippini (UISP Comitato territoriale di Pisa):

Enza Pellecchia (C.I.S.P. – Università di Pisa)
Laura Savelli (Università di Pisa)
Grazia Ricci (Università di Pisa)
Carola Maria Martino (Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana)

11:45 Coffe break

12:00 Tavola rotonda: I 70 anni di voto alle donne in Italia – modera Michela Ciangherotti (SPI CGIL Pisa)

Vinzia Fiorino (Università di Pisa)
Giovanna Pagani (WILPF)
Silvia Venturi (Università di Pisa)
Vilma Nicolini (Osservatorio PP.OO. di AUSER)
Tiziana Noce (Università della Calabria)
13:00 Pausa pranzo

14:00 Ripresa lavori. Introduce Pina Salinitro (AIED) Vicepresidente del CCPPOO del Comune di Pisa

14:30 Tavola rotonda: Donne e pace nel mondo dell’associazionismo e del volontariato – moderano Diana Pardini (Eraclito 2000) e Cristina Filippini (UISP Comitato territoriale di Pisa) – interverranno:

Amnesty International
WILPF (Giovanna Pagani)
Tavola della Pace (Daniela Pampaloni)
ANVCG Onlus (Aurelio Frulli)
Partigiani Cristiani (Stefania Capacci)
Libera (Cristiana Vettori)
Cospe (Debora Angeli)
Casa della Donna (Virginia Del Re)
16:00 Dibattito

16:30 Proiezione del documentario “211: Anna” (2009), di Giovanna Massinetti e Paolo Serbandini – introduce Silvia Silvestri (Il Popolo dei Consumatori)

18:15 Conclusioni a cura di Marilù Chiofalo (Assessora PPOO del Comune di Pisa) e Valeria di Bartolomeo (Presidente CCPPOO del Comune di Pisa)

Durante la giornata sarà esposta The face of freedom is female, frutto del corso fotografico tenuto dalla fotografa Ippolita Franciosi all’ interno del laboratorio Lo Spazio del The, a cura dell’ Associazione DIM.

Milano, Libertà e totalitarismo – Vita, politica e società nella Russia di ieri e di oggi

A Milano il 10 maggio alle ore 18 non perdete l’incontro di Fondazione Corriere Libertà e totalitarismo. Vita, politica e società nella Russia di ieri e di oggi.

Intervengono Sergio Romano, Anna Zafesova e Ludmilla Ulitskaya. A coordinare l’incontro Luigi Ippolito.

Ingresso libero su prenotazione telefonando allo 02 8738707 o scrivendo a rsvp@fondazionecorriere.it

unnamed

Donna non rieducabile all’Argot Studio di Roma

Donna non rieducabile a RomaIn occasione dei 10 anni dalla morte della giornalista russa Anna Politkovskaja, torna in scena Donna non rieducabile, un progetto di e con Elena Arvigo. Appuntamento dal 3 al 15 maggio all’Argot Studio di Roma.

Lo spettacolo è stato prodotto dal Teatro delle Donne – centro nazionale di Drammaturgia, che lo portò sul palco per la prima volta nel 2007, a solo sette mesi dalla morte della giornalista.

Il testo è stato scritto dall’autore e regista Stefano Massini.

Come è successo a ottobre 2015 a Milano, anche a Roma sono in calendario una serie di appuntamenti prima e dopo lo spettacolo. Letture, dibattiti e presentazioni che si terranno
nel teatro stesso.

MARTEDì 3 MAGGIO, ORE 21 – l’Associazione Annaviva presenta lo spettacolo

Donna non rieducabile
Donna non rieducabile

GIOVEDì 6 MAGGIO, dalle 19.00 – Giulia Morello presenterà il suo libro Sono innamorata di Pippa Bacca Chiedimi perché (ed. Castelvecchi) la storia di Giuseppina Pasqualino di Marineo, in arte Pippa Bacca, artista nata a Milano il 9 dicembre 1974 e uccisa in Turchia il 31 marzo 2008 durante la performance artistica Brides On Tour – Spose in Viaggio, incentrata sull’amicizia e sulla pace tra i popoli. Questo è il primo libro autorizzato dalla famiglia di Pippa Bacca. Leggerà brani dal libro l’attrice Alice Spisa.

– VENERDì 6 MAGGIO, dalle 18.30, prima dello spettacolo, il dibattito “Perché Anna oggi?” vuole riflettere su alcune questioni come “Che vantaggio può avere veicolare questo tipo di storie attraverso il teatro?”, “Che cosa significa teatro civile?”. Interverranno Elena Dundovich, membro fondatore del Memorial Italia, Lucia Sgueglia, giornalista free lance collaboratrice da Mosca per La Stampa, L’Espresso, Radio Svizzera Italiana;
Carlo Orlando, direttore artistico dell’ Associazione Narramondo che nasce nel 2001 dall’urgenza e esigenza di portare in teatro le ferite del tempo presente,
Maria Maddalena Lepri, Vice direttore Radio Rai, Cristina Ghelli, direttrice del Teatro delle Donne – Centro di drammaturgia di Calenzano, Laura Giannoni, organizzatrice del Teatro delle Donne – Centro di drammaturgia di Calenzano e
Ferdinando Maddaloni, fondatore associazione Artisti Civili.

SABATO 7 MAGGIO, alle 18.30 – Valentina Carnelutti e Stefano Scherini presentano alcune letture tratte dal loro spettacolo Non ho altro da aggiungere, nato per commemorare il naufragio di Lampedusa del 3 ottobre. Lo spettacolo racconta la storia di Razan, fuggita dalla Siria in guerra, insieme ai suoi figli. Dal pomeriggio sarà inaugurata la
mostra della pittrice Fabiana Iacolucci che ha aderito con Valentina Calvani al progetto Le imperdonabili realizzando su china dieci tavole ispirate al tema di testimoni scomodi.

DOMENICA 8 MAGGIO, alle 20 :45 – documentario Grozny Blues, nomnato allo Swiss Film Award 2016, di Nicola Bellucci scritto insieme alla giornalista Lucia Sgueglia. Il film si sviluppa intorno a quattro donne che da anni lottano per i diritti umani in un contesto ogni giorno peggiore, sempre più disilluse dal presente nella Russia di Putin. Nicola Bellucci e Lucia Sgueglia saranno entrambi presenti alla proiezione del film.

VENERDì 13 MAGGIO – Eva Cambiale e Carlo Orlando leggeranno brani tratti da
Ragazzi di Zinco di Svetlana Aleksievic che raccoglieva le voci dei reduci della guerra in Afghanistan.
Un meta-racconto su una forma di teatro (il teatro di narrazione civile, che nel nostro paese ha conquistato l’attenzione del pubblico) e di drammaturgia, quella appunto del teatro documento e della testimonianza che nel suo essere senza filtro, nel
suo esprimersi senza metafore, racconta una verità che spesso, quando non è verità di comodo, non vuole essere sentita.

Al Festival del giornalismo di Perugia arriva Il complotto di Chernobyl

Il film Il complotto di Chernobyl uscirà il 7 aprileIl Festival di giornalismo di Perugia (6-10 aprile 2016) ospita la proiezione del film Il complotto di Chernobyl (The Russian Woodpecker) di Chad Gracia, vincitore del Gran Premio della Giuria a Sundance Film Festival 2015 e del Premio Hera “Nuovi Talenti” per la migliore opera prima al Biografilm 2015.

L’appuntamento è al Cinema Postmodernissimo di Perugia mercoledì 6 aprile alle ore 20.30. Ingresso gratuito.

La pellicola sarà distribuita in Italia da Wonder Pictures a partire dal 7 aprile.

Il complotto di Chernobyl

A 30 anni dal disastro nucleare di Chernobyl, il film di Chad Gracia ripercorre la vicenda dando una nuova luce sui fatti. Sappiamo che la causa è stata un errore umano ma se non si trattasse davvero di un errore, di una casualità?

A indagare è Fedor che nell’anno dell’incidente, il 1986, aveva solo quattro anni. Il giovane scopre l’esistenza della Duga, un’antenna che doveva ostacolare le comunicazioni in Occidente e permettere alla propaganda sovietica di infiltrarsi.

IL COMPLOTTO DI CHERNOBYL – THE RUSSIAN WOODPECKER

(Ucraina, Stati Uniti, Regno Unito/2015/82′) di Chad Gracia

Università di Milano-Bicocca, seminario in ricordo di Andrey Mironov

All’interno del programma del seminario dal titolo Democracy, freedom and violence l’università di Milano-Bicocca organizza per il 26 ottobre una serie di incontri in ricordo dell’attivista Andrey Mironov.

Ecco il programma della giornata:

Seminario Milano

Seminario Milano

Per informazioni cliccate qui

Chi è Andrey Mironov

Andrey MironovAndrey Mironov era un’attivista per i diritti umani ucciso il 25 maggio 2014 a Andreevka, in Ucraina, insieme al giornalista italiano Andrea Rocchelli.

Mironov, di origine russa, nel 1985 è stato arrestato per aver diffuso opere del samizdat e l’anno dopo è stato condannato dal Tribunale Supremo dell’Udmurtia per “propaganda e agitazione antisovietica”.

Collaborò con la creazione del centro di diritti umani “Memorial”. Seguì la guerra in Cecenia documentandone i crimini di guerra. Amico di Anna Politkovskaya, Mironov è morto in Ucraina mentre faceva il suo lavoro: aiutare i giornalisti stranieri a capire e raccontare lo spazio ex sovietico e a denunciarne, se possibile, le ingiustizie.

Lugano, al Festival dei diritti umani il documentario The Term sull’opposizione in Russia

SrokIl 17 ottobre, nell’ambito del Festival dei diritti umani, verrà proiettato a Lugano, il documentario The Term (Srok) di Pavel Kostomarov, Alexey Pivovarov e Aleksandr Rastorguev sulla situazione politica e sul ruolo dell’opposizione in Russia.

La proiezione si terrà alle 14.30 alCinestar – sala1.

Nel 2015 il film è stato nominato “miglior documentario” dalla Russian Guild of Film Critics.

Ecco il trailer:

Dopo la proiezione del film ci sarà il dibattito dal titolo “La roulette russa della democrazia” con i relatori Andrea Pipino, giornalista ed editor delle pagine europee di Internazionale, e Alessandro Vitale ,Assistant Prof. di Analisi della politica estera e di geografia economica e politica all’Università degli studi di Milano.

Modera l’incontro Giuseppe D’Amato, giornalista, esperto di questioni russe

Programma completo del Festival: http://www.festivaldirittiumani.ch/programma

Milano, 24 ottobre, lettura scenica dei testi di Anna Politkovskaya @TeatroOutOff1

L’associazione Annaviva, nata in difesa della libertà di stampa e dei diritti civili nell’Est Europa, vi invita il 24 ottobre al Teatro Out Off di Milano per assistere ad una lettura teatrale dei testi scritti da Anna Politkovskaja. Perché “coloro che non sanno ricordare il passato sono condannati a ripeterlo”. 
C’è una frase di Anna Politkovskaja che ti ha colpito particolarmente? O forse il passaggio di un’intervista o l’incipit di un suo libro? Mandaci la tua segnalazione e creiamo insieme una drammaturgia collettiva.

Invia una mail a arvix@mac.com con il testo che ti sta più a cuore o che, secondo te, rappresenta l’essenza del lavoro di Politkovskaja. Elena Arvigo e Rosario Tedesco, insieme ad altri colleghi, organizzeranno per noi una lettura scenica. Quale modo migliore per onorare la memoria di Anna Stepanova se non fare in modo che le sue parole continuino a vivere? 

Gli appuntamenti con Annaviva – per non dimenticare – continuano anche nelle prossime settimane: 
15 ottobre – ore 18 al Teatro Out Off proiezione del documentario Letter to Anna

22 ottobre – ore 18 al Teatro Out Off proiezione del documentario 211: Anna

Vi ricordiamo inoltre che il memorandum teatrale “Donna non rieducabile” resterà in scena fino al 25 ottobre. Sul sito  i prezzi del biglietto e tutte le promozioni per assistere allo spettacolo.